Bambini dimenticati in auto? Ecco i dispositivi anti abbandono

postato in: Bambini | 0

Quante volte abbiamo letto o sentito tragiche notizie di morte di bambini “dimenticati” per errore, distrazione, amnesia vera e propria in auto? Quante volte ci siamo detti che sono cose impossibili e che a noi una cosa del genere non capiterebbe mai?

Li chiamano casi di amnesia dissociativa dei genitori. Sono più comuni se il genitore è sottoposto a forti periodi di stress. Utopia? No, purtroppo questi episodi di bambini dimenticati in auto accadono e possono colpire chiunque.

Il Decreto Attuativo 172 del Nuovo Codice della Strada
Per evitare che simili tragiche fatalità si possano ripetere il 7 Novembre 2019 è entrato in vigore il Decreto Attuativo 172 del Nuovo Codice della Strada relativo alle misure di sicurezza da adottare in auto per bambini con età inferiore a 4 anni.

Con il Decreto diventa obbligatoria la presenza sulle autovetture di seggiolini dotati di dispositivi antiabbandono. L’obbligo sarà effettivo dal 6 Marzo 2020. Per tutti i contravventori sono previste multe fino a 326 euro e la sospensione della patente fino anche a 2 mesi.

Ma cosa sono i seggiolini o i dispositivi antiabbandono?
Si tratta di seggiolini omologati o appositi dispositivi dotati di sensori capaci di segnalare anche al genitore più distratto la presenza di un bambino all’interno dell’autovettura.

Quali scegliere?

La prima cosa da valutare è se si vuole comprare un dispositivo indipendente oppure un seggiolino che ha già il sistema integrato. E’ possibile scegliere tra sistemi dotati di tecnologia Bluetooth (gestibili direttamente tramite smartphone e relative app dedicate) oppure tramite il sistema elettrico dell’auto o l’accendisigari.

Se ancora c’è indecisione su cosa e come scegliere ecco alcuni suggerimenti:

  • Dispositivi già integrati nel seggiolino. Il seggiolino è già dotato di sistemi che rilevano la presenza o meno del bambino sul seggiolino stesso. I grandi marchi si sono già mossi immettendo sul mercato questi seggiolini con sistema antiabbandono integrato.
  • Accessori indipendenti dal seggiolino. Sono i più diffusi perchè scelti da chi ha già un seggiolino e non vuole sostenere un’ulteriore spesa per sostituirlo. Si tratta di sensori da installare sulla seduta del seggiolino auto o da agganciare alla cintura che rilevano la presenza del bambino.

Come funzionano i sistemi antiabbandono?
Quando il genitore si allontana dall’auto parcheggiata, il dispositivo antiabbandono grazie ai sensori, controlla che anche il bambino non si trovi ancora sull’auto. Se viene rilevata la presenza del bambino sul seggiolino, una prima notifica audio è inviata direttamente sullo smartphone tramite app connessa via Bluetooth. In caso di mancata risposta alla prima notifica o se per un qualsivoglia motivo la connessione Bluetooth non risulti funzionante:

  • parte una chiamata automatica ad un numero di emergenza
  • un servizio di pronto intervento collegato localizzerà anche la posizione dell’autovettura con il bimbo a bordo da solo.

La cosa migliore sarebbe optare per un seggiolino che abbia già il sistema antiabbandono integrato in grado di dare l’allarme immediatamente, prima che il genitore scenda dall’auto. I sistemi mediati da app e Bluetooth dipendono dal corretto settaggio dello smartphone, dal suo stato (carica e copertura di rete) e comunque avvisano dalla dimenticanza solo quando ci si è già allontanati dall’auto.

Il BONUS seggiolino

Dal 20 Febbraio il ministero dei Trasporti ha messo online la piattaforma (www.bonusseggiolino.it) tramite la quale è possibile richiedere il bonus di 30 euro per l’acquisto di uno dei sistemi antiabbandono in commercio. Si può richiedere il bonus anche se il sistema antiabbandono è già stato acquistato nei mesi scorsi. E’ sufficiente esibire scontrino o fattura che testimoniano l’acquisto.

Al momento non esiste un sistema antiabbandono “giusto per te” o migliore in assoluto.

E’ però fondamentale rispettare la normativa e quindi dotarsene entro il 6 di Marzo per non incorrere in sanzioni e soprattutto per tutelare la sicurezza di tutti i bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *